La PA chiama Google: cosa dice il Transparency Report 2012

What countries ask for the biggest share of netizen data? (A visualizazion by EFF and SHARE defense)
What countries ask for the biggest share of netizen data? (A visualization by EFF and SHARE defense)

La tutela della privacy è spesso la motivazione con cui – a volte a ragione, talvolta a torto – la pubblica amministrazione nega al cittadino l’accesso alle informazioni richieste.

Quando però è la PA a chiedere informazioni riguardanti i cittadini la preoccupazione di violarne la privacy sembra non essere così stringente, come dimostrano i dati raccolti nell’ultima edizione del Google Transparency Report, dove “Big G” registra tutte le richieste di accesso ai dati degli utenti (cronologia delle ricerche, scambio di email e documenti e indirizzi IP) da parte di terzi.

Il secondo semestre 2012 si è rivelato il periodo con il maggior numero di richieste da parte dei governi europei sin dal lancio del rapporto tre anni fa. Complessivamente i paesi dell’Unione Europea hanno fatto 7.254 richieste relativamente a 9.240 utenze tra luglio e dicembre 2012, in media più di 1.200 richieste al mese.

Ma quello che colpisce non è tanto il numero delle richieste che arrivano, quanto la proporzione di quelle che Google si trova a rifiutare in quanto non motivate a sufficienza dal punto di vista legale, troppo ampie come ambito oppure non formulate in modo proceduralmente corretto.

E l’Italia?
Siamo tra i più zelanti al mondo quando si tratta di chiedere accesso ai dati sensibili dei cittadini online: abbiamo, infatti i più alti tassi di richieste per numero di abitante (in media 12,6 richieste ogni 100.000 utenti).
Come si nota dall’immagine qui sopra, in totale l’Italia è l’ottavo Paese per numero di richieste. Ma è, assieme a Francia, Spagna e Germania, anche quello che si vede negate più della metà delle richieste (2.067 accolte vs. 2.235 rifiutate dal 2010 ad oggi).

Un tasso di rifiuto così alto di certo rivela quanto scarsa sia la considerazione per la tutela dei diritti digitali dei cittadini di cui lo stesso governo dovrebbe farsi promotore.

Come rileva Carly Nyst, responsabile del International Advocacy, a Privacy International: «I governi devono smettere di trattare i dati dell’utente in possesso di società private come un tesoro di informazioni a cui è possibile attingere ogni volta che si vuole, con poca o nessuna autorizzazione giudiziaria».

Anche la Croazia ha il suo FOIA: l’Italia prenda nota

Foto di TheLordMayor (CC BY-SA 2.0)
Il Parlamento croato – Foto di TheLordMayor (CC BY-SA 2.0)

Era una delle condizioni sul tavolo dei negoziati per l’accesso all’Unione Europea e ora è legge: anche la Croazia ha il suo Freedom of Information Act.

Il Foia croato è stato approvato il 6 febbraio scorso, dopo quasi 10 mesi di intenso lavoro ministeriale, consultazioni pubbliche, attività di lobbying, campagne di sensibilizzazione, consultazioni con esperti nazionali e internazionali, e non ultimo, l’aver ospitato il summit europeo di Open Government Partnership (Ogp) a Dubrovnik lo scorso ottobre.

I paesi un tempo a Est della cortina di ferro stanno da tempo dettando la linea in tema di Foia mentre altri, come l’Italia, faticano a mettersi al passo con le democrazie più “open“.

A una prima analisi, alcune norme denotano subito l’impianto liberale della nuova legge in linea con quanto appena stabilito dal Rwanda con il Foia appena promulgato. In particolare:

  • viene introdotta la figura dell’Information Commissioner, dedicato esclusivamente alla promozione e alla tutela della libertà di informazione. Il Commissario sarà eletto dal Parlamento e godrà di immunità pari a quella dei parlamentari.  Avrà forti poteri di controllo e di sanzione amministrativa a favore della tutela dell’accesso;
  • viene introdotto il principio di proporzionalità e della valutazione dell’interesse pubblico, per tutte le eccezioni all’accesso previste dalla normativa Foia;
  • c’è una forte apertura verso la pubblicazione proattiva di informazioni da parte degli enti pubblici, comprese le chiare disposizioni di legge (ciò che deve essere pubblicato) e le norme secondarie;
  • sarà possibile il riutilizzo di informazioni, senza costi, per qualsiasi scopo.

E le novità non si fermano solo agli articoli di legge. Sono state previste delle misure concrete e dei progetti pilota per open data e open government all’interno dell’amministrazione statale.

Sul fronte della società civile, il risultato premia GONG – l’equivalente balcanico di DDS – e molte altre Ong che hanno visto accolte praticamente tutte le modifiche proposte, con il Ministero dell’Amministrazione pubblica che ha difeso i più elevati standard internazionali in termini di Foia, nonostante altre istituzioni a livello governativo abbiano tentato fino all’ultimo di ridurne la portata. L’opposizione interna è talvolta la miglior prova del fatto che lo strumento è percepito anche dai burocrati come efficace nel controllare il loro operato.

Per la Croazia, ora che il quadro giuridico esiste, non rimane che continuare il paziente lavoro di monitoraggio e promozione del diritto di accesso, affinché la società civile sia sempre più consapevole di avere in mano uno degli strumenti più potenti strumenti per una cittadinanza attiva ed informata.

Per l’Italia l’esempio croato è un occasione per riflettere come mettersi al passo europeo, sia a livello normativo che di apertura partecipativa del processo legislativo. Al di là dell’Adriatico la consultazione con la società civile non è mai venuta meno ed è partita fin dalle prime fasi, mentre da noi – almeno con l’ultimo tentativo – non è mai nemmeno iniziata.