Negli Usa il Foia è wiki

foia-wiki

 

di Martina Basile

Si chiama FOIA wiki la prima piattaforma americana wiki su tutto quello che riguarda il Freedom of Information Act, la legge sull’accesso recentemente riformata da Obama.

È del 3 ottobre l’annuncio da parte della Reporters Committee For Freedom Of The Press sulla nascita della versione beta – quindi ancora in fase di test – della prima piattaforma FOIA wiki.

In occasione del 50esimo anniversario del Freedom Of Information Act, la commissione ha deciso di lanciare questo nuovo progetto utilizzando per la prima volta un formato “wiki” per incoraggiare la condivisione di idee tra persone e organizzazioni differenti.

Il progetto, che si divide in una parte legale e una d’informazione, include:

  • pagine su tutto ciò che riguarda il FOIA: eccezioni, commissioni, questioni amministrative ecc.
  • un forum in cui gli utenti possono fare domande sul FOIA e ricevere risposta, nonché discutere sulle ultime novità dalle imprese pubbliche o su particolari documenti pubblicati.
  • Informazioni importanti sulle pubbliche amministrazioni: contatti, regolamenti sull’accesso alle informazioni, e molto di più.
  • Il testo completo del FOIA con inclusi anche gli emendamenti approvati nel 2016.

FOIA wiki si ritaglia così un posto importantissimo nel mondo di chi si batte per far conoscere – e riconoscere – il diritto di accesso alle informazioni. Permetterà non solo a giornalisti e persone specializzate ma anche ai cittadini, di interessarsi maggiormente alla questione della trasparenza; potrebbe, inoltre, diventare uno strumento molto importante di pressione sulle pubbliche amministrazioni affinché finalmente mantengano le promesse di trasparenza.

La commissione si è inoltre appoggiata ad altre realtà (FOIA Project, Transactional Records Access Clearinghouse, MuckRock ecc.) garantendo così affidabilità e professionalità in tutti gli aspetti presi in considerazione.

Sarà interessante vedere come si svolgerà il periodo di rodaggio della piattaforma e se darà vita ad altre realtà simili al di fuori dei confini americani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *