Ora tocca al Governo

Con il voto delle Commissioni Affari Costituzionali di ieri si chiude la fase di consultazione sul Decreto 267/2016, ovvero quello che dovrebbe essere il Freedom Information Act italiano. Come annunciato ieri subito dopo la valutazione dall’On. Ascani, relatrice del parere per la Camera, molte delle proposte di modifica avanzate da Diritto Di Sapere e dalle altre organizzazioni promotrici di FOIA4Italy sono state accolte. Abbiamo quindi aggiornato la nostra infografica con il Parere delle Commissioni Affari Costituzionali e quella della Commissione Parlamentare per la Semplificazione (espresso lo scorso 5 Aprile).
 

Pareri FOIA 2Infographic


 
Ora tocca al governo decidere quali punti accogliere e come. Lo stesso Ministro Madia si era detta disposta a rivedere due punti in particolare: il silenzio diniego e l’identificazione di una forma di ricorso alternativa al TAR.
Ma se vogliamo davvero “la migliore legge possibile” servono interventi decisi e più di 80 mila cittadini (sì, ieri la petizione di FOIA4Italy ha superato quest’altro traguardo) saranno vigili affinché sia garantito un vero diritto di accesso alle informazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *