Giornata Mondiale dell’Accesso alle Informazioni: FIRMA per il FOIA italiano!

Schermata 2015-02-17 alle 22.34.09

FIRMA LA PETIZIONE DI FOIA4ITALY

Mentre oggi in tutto il mondo si festeggia la Giornata Mondiale del Diritto di Accesso alle Informazioni (International Right to Know Day) l’Italia rimane una delle poche democrazie occidentali a non riconoscere ancora questo diritto fondamentale.

L’obiettivo nostro, e delle altre 31 organizzazioni parte di FOIA4Italy è quello di far approvare in Italia un Freedom Of Information Act, una legge che permetta ai cittadini un ampio accesso alle informazioni, ai dati e ai documenti delle Pubbliche Amministrazioni.

Benvenuto a bordo Mr. Chiedi

10273207_10152467318577238_540104847154311010_o

All’anagrafe è Claudio Cesarano, ma per noi qui a Diritto Di Sapere è già Mr. Chiedi. Sì, perché Claudio è salito a bordo lo scorso luglio, arrivando dritto dritto dagli uffici di Madrid di Access Info Europe, dove si è fatto le ossa su AsktheEU che con la nostra piattaforma Chiedi condivide il motore (il software open-source Alaveteli sviluppato da MySociety), ma anche il cuore: la missione di facilitare l’accesso da parte di cittadini e giornalisti alle informazioni raccolte dalle istituzioni.

Chiedi v. PEC: programmatori, abbiamo bisogno di voi!

Open Source Prescription - opensource.com - via Flickr
Open Source Prescription – opensource.com – via Flickr

Questa è una richiesta di aiuto. Ma è anche una sfida di civic-technology.

Dal 2012 Diritto Di Sapere si occupa di tutelare il diritto di accesso alle informazioni e incrementare la trasparenza in Italia. Crediamo che non si possa lasciare esclusivamente alle Pubbliche Amministrazioni la prerogativa di scegliere quali informazioni rendere disponibili e pensiamo che attraverso lo sviluppo di una cultura dell’accesso sia possibile sostenere la trasparenza,  l’imprenditoria digitale, progetti di big data e di data journalism.

Per questo, lo scorso Febbraio abbiamo lanciato Chiedi, una piattaforma di social mailing completamente gratuita, che guida cittadini, attivisti e giornalisti nell’invio delle richieste di accesso ai documenti delle pubbliche amministrazioni. Chiedi si basa sul software open source Alaveteli sviluppato dall’inglese My Society che ha dato vita a progetti di successo quali AskTheEU e What Do They Know.

Fin dall’inizio, tuttavia, la localizzazione della piattaforma ha incontrato un grosso ostacolo tecnico: la Posta Elettronica Certificata.

Festa dell’Unità: il FOIA tra gli obiettivi di Renzi

renzi_Alfredo_Bosco
© Alfredo Bosco – via PD Milano Area Metropolitana

Compresso tra il piano per il Sud e quello per l’Università, ma c’è.

Durante il suo discorso di chiusura alla Festa dell’Unità di Milano, il premier Matteo Renzi ha citato il Freedom of Information Act tra gli obiettivi del suo Governo (nel video su Unità.tv al minuto 37).

Fin dal suo insediamento Renzi ha dichiarato la sua volontà di far approvare una legge che garantisse il diritto di accesso alle informazioni: con l’approvazione della Riforma della Pubblica Amministrazione lo scorso Agosto, il Governo ha ora il mandato di redigere una legge delega che potrebbe finalmente permettere all’Italia di recuperare terreno in tema di trasparenza e di partecipazione dei cittadini.

Il 28 settembre si celebrerà l’International Right To Know Day, la giornata mondiale del diritto di accesso: quando potrà festeggiare l’Italia un FOIA tutto suo?

Firma la petizione di FOIA4Italy per “un governo del potere pubblico in pubblico”.

PEC: comunicare con la Pubblica Amministrazione non è gratis

email_2

di Claudio Cesarano

L’adozione della Posta Elettronica Certificata (PEC) da parte delle Pubbliche Amministrazioni è stato un procedimento accidentato, accompagnato da critiche e ritardi. Tuttavia, è l’attuale smantellamento del progetto di PEC gratuita per i cittadini a svelare il difetto più grave di questo sistema: quello che è nato come strumento per rendere più semplice, sicura ed economica la comunicazione coi cittadini, è diventato un serio ostacolo per l’accesso ai documenti detenuti dalla Pubbliche Amministrazioni ed è incompatibile con gli standard internazionali sul diritto alle informazioni.

Come funziona la PEC?

Benché in apparenza del tutto simile alla posta elettronica tradizionale, la PEC offre maggiori garanzie dal punto di vista della sicurezza: ogni fase della spedizione e della consegna di un messaggio genera delle ricevute elettroniche che attestano la correttezza del procedimento (che può avvenire esclusivamente tra caselle PEC) e identificano precisamente mittente, destinatario e orari. Grazie a queste sue caratteristiche la PEC assume lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.