Se al ministro non piace l’accesso (persino in Danimarca)…

Il palazzo di Christianborg, sede del Parlamento Danese. Foto di Troels Dejgaard Hansen (CC BY-SA 2.0)
Il palazzo di Christianborg, sede del Parlamento Danese. Foto di Troels Dejgaard Hansen (CC BY-SA 2.0)

C’è del marcio in Danimarca? Forse.
Sicuramente la situazione del diritto d’accesso è meno rosea rispetto agli altri paesi scandinavi, tra i più attivi in ambito di trasparenza e accesso alle informazioni.

In queste settimane, infatti, si parla molto di accesso, specie a causa di un disegno di legge in discussione in Parlamento.
Ribattezzata dai critici “Yes-Minister”, la legge escluderebbe dall’accesso alcuni documenti politicamente sensibili.

L’elemento che sta scatenando discussioni tra chi si occupa di accesso all’informazione è il comma che segue:

Il diritto d’accesso non comprende documenti interni e informazioni comunicate da una pubblica amministrazione all’altra, quando c’è ragione di credere che un ministro ha o potrebbe avere bisogno di un parere o di supporto:
1. tra un ministero e i dipartimenti e authority subordinate
2. tra differenti ministeri

L’indicazione di “documenti interni” non va confusa con i documenti preparatori interni, citati in molte leggi sull’accesso, spiega il giornalista Staffan Dahllöf su Wobbing.eu: questa legge riguarderebbe anche le versioni finali di alcune leggi, così come documenti che contengono comunicazioni tra vari dipartimenti e ministeri.

Diversi esperti ritengono che, con la legge in vigore, probabilmente sui media non ci sarebbe traccia di diverse delle questioni politiche dibattute in Danimarca in questi mesi, dal tentativo di aggirare trattati internazionali sui rifugiati politici su una controversa questione di tasse che riguarda il primo ministro danese Helle Thorning-Schmidt.
Nonostante le proteste, però, la proposta sembra avere il consenso della coalizione al governo ed è previsto che venga approvata in primavera.

Alla luce di tutto ciò, alcuni giornalisti hanno chiesto accesso ai documenti sulle comunicazioni su questo argomento tra l’attuale governo e il precedente.

L’accesso è stato negato.

Il segnale è importante perché mostra che il diritto di accesso non va solo conquistato, ma anche protetto e difeso una volta che si è sviluppato. È una lezione importante per l’Italia che sembra volersi muovere verso un’espansione di questo diritto fondamentale per una democrazia evoluta.

1 comment
  1. […] arrivano anche dal nord Europa, tradizionalmente considerata la patria del FOIA. Come avevamo scritto a febbraio, la nuova legge sull’accesso all’informazione in Danimarca è tutt’altro che un […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *